CONGEGNERIA,  UNICORVO

SMOKE ON THE WATER

Oggi parleremo del FUOCO GRECO

Una vera piaga per i nemici dell’impero bizantino.

 

(Ne sanno qualcosa gli arabi che nel 717 ne subirono i devastanti effetti durante l’assedio di Costantinopoli.)

In un contesto tecnologico in cui le flotte erano costruite con legno, pece e fibre vegetali avere a disposizione una mistura incendiaria che l’acqua non solo non poteva spegnere, ma addirittura rinforzava, rappresentava un vantaggio da custodire gelosamente.

La ricetta di questa prodigiosa mistura era nota soltanto all’imperatore e pochi altri, e la pena per la sua diffusione era la morte.

L’espressione “fuoco greco” era utilizzata soprattutto dai popoli stranieri, poiché i bizantini (che facevano parte dell’Impero Romano d’Oriente) lo chiamavano “fuoco romano” o “fuoco liquido”.

Oggi si ritiene che il composto fosse una miscela di pece, salnitro, zolfo, petrolio, nafta e calce viva.

Proprio la calce viva (più esattamente denominata ossido di calcio, con formula chimica CaO) è responsabile dell’effetto più sorprendente del fuoco greco.
La calce viva reagisce violentemente con l’acqua, la reazione è fortemente esotermica (sviluppa calore per effetto della minore energia chimica dei prodotti rispetto ai reagenti).

I tentativi di estinguere le fiamme finivano quindi per ottenere l’effetto opposto.
Lo storico Marco Greco ci fornisce una semplice ricetta di tale miscuglio e afferma che l’unico modo per spegnerlo era quello di usare sabbia, urina o aceto.

Unicorvo

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Rimaniamo in contatto!
Ricevi in anticipo i nostri articoli e accedi ai contenuti esclusivi, dedicati e personalizzati di Redazione Coffa

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.